Nota: il sito web è stato tradotto automaticamente. Passa all'inglese per una migliore esperienza di lettura.

holger koschek agile coach 2

Rapporto sul campo – Remote Agile Coaching con Holger

Rapporto di campo – Il formato

Come viene utilizzato l'Echometer nella pratica? E da chi? Vogliamo rispondere a queste domande in una serie di rapporti sull'esperienza di Echometer. Per farlo, abbiamo intervistato alcuni dei nostri utenti.

Facciamo un salto con il resoconto dell'esperienza Echometer di Holger Koschek. Holger è un Agile Coach e utilizza l'Echometer con i suoi clienti, tra gli altri. Frontastic – un'azienda nativa a distanza.

 

Il partner dell'intervista

Jean: Holger, siamo lieti che tu partecipi a questo format! Presentati ai nostri lettori.

Holger: Ciao, sono Holger Koschek. Come consulente, formatore e coach freelance, lavoro con persone che ricoprono diversi ruoli per far progredire i loro progetti e le loro organizzazioni. Il progresso è il mio obiettivo dichiarato, perché solo chi va avanti può cambiare le cose. Il mio approccio agile mi aiuta a trovare i giusti punti di partenza per il cambiamento. Tuttavia, la soluzione non è automaticamente Agile, Scrum o Kanban.

Mi capita spesso di accompagnare aziende che vogliono ripensare e rivedere il loro modello di collaborazione per aumentare la loro proposta di valore per i clienti. È così che ho conosciuto Thomas Gottheil. All'inizio di quest'anno, Thomas mi ha chiesto di supportare la sua nuova azienda Frontastic come Agile Coach. Frontastic è una "remote-native company": tutti i colleghi lavorano da uffici a domicilio in tutta Europa. In circostanze normali, tuttavia, si incontrano di persona almeno una volta a trimestre per rafforzare il legame sociale.

 

Esperienza di lavoro agile

Jean: Da quanto tempo il lavoro agile svolge un ruolo importante per te?

Holger: "Ufficialmente" dal 2008 – quando sono diventato Certified Scrum Master. Anche in precedenza ho lavorato in modo interdisciplinare, mirato e con priorità. Per me, lavorare in modo agile significa molto di più dell'applicazione mirata di metodi agili. È un modo di pensare e di lavorare che accetta le dinamiche come caso normale e che mi garantisce, attraverso un buon mix di struttura, flessibilità e disciplina, di rimanere in grado di agire in queste situazioni dinamiche.

Jean: E con quali squadre lavorate esattamente?

Holger: I team con cui ho lavorato e con cui lavoro attualmente non potrebbero essere più diversi: dalle aziende alle start-up, dai dirigenti agli impiegati, dai prodotti software ai modelli di business, dalle stanze di progetto condivise agli uffici domestici ampiamente distribuiti, dai principianti agili ai veterani, dalla manutenzione degli aerei all'editoria.

Nonostante le differenze, però, ci sono almeno due punti in comune: Senza eccezioni, i team apprezzano il lavoro interdisciplinare. E sono abituati a mettere in discussione i loro metodi di lavoro nelle retrospettive e ad adattarli se necessario.

Attualmente lavoro in parallelo per diversi clienti come coach Agile esterno con diversi gradi di intensità.

 

Lavorare in remoto come Agile Coach durante Corona

Jean: Cosa ha cambiato Corona nel tuo lavoro di Agile Coach?

Holger: Sorprendentemente, non molto. I miei team sono riusciti a cambiare la loro collaborazione da "in loco" a "da remoto" molto rapidamente. In Frontastic non è stato necessario adattare il modo di lavorare, perché l'azienda lavora in modo "remoto-nativo", come ho detto.

All'inizio ero scettico sul fatto che sarei stato in grado di svolgere bene il mio ruolo pur non avendo un contatto diretto con le persone. Nel frattempo lo scetticismo è svanito. Anche se non ho mai incontrato di persona alcuni colleghi di Frontastic, è possibile una collaborazione di fiducia. Questo è dovuto principalmente al modo apprezzabile di trattare con gli altri, ma anche agli obiettivi comuni.

Jean: Come hai reagito inizialmente alle nuove circostanze? Cosa ti sei prefissato di fare?

Holger: Mi è subito apparso chiaro che dobbiamo prestare ancora più attenzione nel lavorare insieme. È così che uno dei miei clienti ha ideato una raccolta di principi e consigli per le riunioni online. Poiché non posso più vedere direttamente chi è disponibile per una conversazione improvvisata, i calendari elettronici e lo stato dei vari strumenti di comunicazione devono essere ben curati. Invece di coordinare gli appuntamenti in lunghi thread di posta, ad esempio, è più efficiente utilizzare la funzione "Suggerisci un nuovo appuntamento" del calendario elettronico. Non tutti i membri del team erano a conoscenza di questa funzione. Quando si utilizzano strumenti come Microsoft Teams o Zoom, ci sono stati timori di contatto, che ho ridotto grazie a brevi sessioni di formazione.

Il coraggio, la responsabilità personale e l'auto-organizzazione sono particolarmente importanti in queste circostanze. Per promuovere queste qualità, ogni membro del team ha bisogno di una dose di sostegno individuale.

Jean: Quali sono le tue conclusioni in base all'esperienza fatta finora?

Holger: Noi esseri umani siamo capaci di fare più di quanto abbiamo mai pensato. D'altro canto, i nostri limiti personali stanno diventando sempre più spietatamente visibili. Per i coach agili c'è quindi molto da fare ...

Rapporto sul campo

Echometer in team distribuiti

Jean: Passiamo alla relazione sull'esperienza di Echometer. In che modo Echometer ti aiuta nella collaborazione a distanza con i team?

Holger: L'Echometer mi fornisce il filo conduttore della retrospettiva senza imporsi come strumento. Selezionando in anticipo le domande aperte e chiuse, posso dare alla retrospettiva un quadro tematico. Inoltre, tutti i membri del team che hanno partecipato all'indagine arrivano alla retrospettiva preparati. Le domande sull'organizzazione sono adatte come barometro dell'umore a medio e lungo termine. E le misure sviluppate insieme nella retrospettiva hanno finalmente trovato una casa online.

Jean: Quali sarebbero le sfide della retros remota senza Echometer?

Holger: Dovrei assicurarmi che tutti i membri del team si preparino bene per la retrospettiva. La discussione spontanea e il follow-up sincrono dei risultati (intermedi) sono talvolta difficili da realizzare online. Se tutti i partecipanti conoscono le domande in anticipo, le discussioni sono più mirate. Questo comporta il rischio che gli argomenti essenziali non coperti dalle domande preparate cadano nel dimenticatoio. Annoto tali argomenti in modo che tutti possano vederli utilizzando la funzione note di Echometer. A seconda dell'urgenza dell'argomento, apro la stanza per discuterne o lo prendo come candidato per la successiva retrospettiva.

L'ampio catalogo di domande con le relative categorie mi aiuta a dare alla retrospettiva un quadro tematico. In questo modo si riduce il rischio di tralasciare aspetti essenziali per il lavoro di squadra.

Senza Echometer, avrei dovuto destreggiarmi tra diversi strumenti per moderare la discussione, registrare i risultati intermedi, ricavarne le misure e seguirli.

Procedura Retros con Echometer

Jean: Come funzionano le radio remote con l'Echometer?

Holger: Strutturato. Mi piace perché sono una persona strutturata. Ho l'impressione che anche i team traggano beneficio dal quadro chiaro che Echometer crea. Tuttavia, i team possono discutere apertamente e in tutte le direzioni. Come facilitatore, posso sempre vedere a che punto siamo nella retrospettiva e posso tenere d'occhio l'orologio – che mi aiuta nella gestione del tempo. A proposito, non credo che le retrospettive online debbano essere più lunghe di quelle in sede.

Jean: Cos'altro vorresti ospitare?

Holger: Sono felice di aver conosciuto Echometer. Nel frattempo, sto utilizzando con successo lo strumento in un altro progetto di un cliente. Il team di Echometer è disponibile e aperto a nuove idee che vengono rapidamente implementate. Questo rende il "Digital Agile Coaching" divertente. Grazie!

I risultati

Questo è tutto – speriamo che questo resoconto dell'esperienza sia stato istruttivo e ti abbia dato qualche spunto di riflessione!

Se anche tu sei interessato a testare l'Echometer, cogli l'occasione di iniziare con un conto demo gratuito per iniziare!

PS: Stai già utilizzando Echometer e vuoi condividere la tua esperienza? Allora non esitare a contattare Jean 🙂

Il nostro partner per le interviste

Holger Koschek

Holger Koschek

Agile Coach Homepage

Condividi questo articolo con la tua rete

Hai bisogno di una spinta per la squadra? Ecco cosa fare: La retrospettiva sullo stato di salute di Spotify!

Prima domanda sulla salute: "😍 Ci piace andare al lavoro e ci divertiamo molto a lavorare insieme".

Vuoi saperne di più? Prova subito il nostro Retro Tool.

Altri articoli

Newsletter Echometer

Non perdere gli aggiornamenti sull'Echometer e trova ispirazione per il lavoro agile

Ho recentemente scritto un eBook su "12 metodi retrospettivi dalla psicologia" – Ti interessa?

Christian Heidemeyer, psicologo e Scrum Master